Unione dei Comuni, il comandante della PM rifiuta. Ragni (Forza Italia): “L’ultimo atto di una disastrosa gestione della sicurezza”

(Sesto Potere) – Forlì – 15 luglio 2018 – “Facili profeti, avevamo definito  un “pasticcio” la nomina del nuovo comandante della Polizia Municipale dell’Unione dei Comuni Forlivese. Ed avevamo pure immaginato che, a distanza di mesi dal pensionamento dell’ex comandante Alfredo Catenaro,   il nuovo responsabile designato, ovvero Gianni Galdenzi (attuale comandante dei vigili urbani della Polizia Municipale di Pesaro e dell’Unione dei Comuni Pian del Bruscolo) che si era riservato di decidere, prendendo tempo, alla fine avrebbe rinunciato. E così è finita, purtroppo”. 

auto pm in piazza

Fabrizio Ragni, capogruppo di Forza Italia in Comune a Forlì e coordinatore provinciale degli azzurri, commenta così la notizia ormai certa che la  Polizia Municipale dell’Unione dei Comuni del territorio Forlivese, non avrà ancora un comandante effettivo, visto il diniego “per motivi personali” di Gianni Galdenzi.

“Il tutto – aggiunge Ragni – , mentre siamo in presenza di una situazione critica quanto a carenza di personale e incongruità del numero di vigili urbani di Forlì e del comprensorio e proprio in coincidenza dell’entrata in funzione di nuovi strumenti (una ventina di ‘velo ok’, le colonnine che possono contenere a turno un autovelox mobile, ndr) del multificio by Davide Drei, che meglio non ha trovato per far quadrare i conti dell’amministrazione che   fare cassa sulle tasche degli automobilisti forlivesi”.

Dal 2017   a farne le veci del comandante della Polizia Municipale dell’Unione Forlivese  ci sono i due vicecomandanti, i commissari Andrea Gualtieri Daniele Giulianini, che si sono suddivisi gli incarichi operativi e amministrativi. Il nome di Galdenzi era stato scelto dalla maggioranza dei sindaci dell’Unione in una rosa di tre nomi  che comprendeva anche lo stesso Giulianini.

municipio

“Comunque finisca questa vicenda, orchestrata male fin dall’inizio con la scelta  di Alfredo Catenaro   “costretto” ad andare in pensione ad incarico appena definito, scontiamo – con l’assenza del primo anello della catena di comando – gli effetti di una mancata  ristrutturazione territoriale della Polizia Municipale e dell’endemica penuria di risorse e personale che limita il raggio di azione della nostra polizia locale  nelle funzioni di   tutela della sicurezza della cittadinanza e degli spazi pubblici del territorio di propria competenza. Con buona pace dei piccoli e grandi criminali che – ed è cronaca di questi giorni con – possono   rapinare e malmenare indisturbati i nostri concittadini ed i lavoratori chiamati a pagare le tasse e contribuire alla ricchezza di un  territorio sempre più abbandonato a se stesso da questa amministrazione incapace di sinistra”: conclude il  capogruppo di Forza Italia in Comune a Forlì e coordinatore provinciale degli azzurri, Fabrizio Ragni.

Related News

Comments are closed