Turismo Archeologico, anche l’Emilia-Romagna alla Borsa Mediterranea di Paestum

(Sesto Potere) – Bologna – 27 ottobre 2017 – L’Emilia Romagna sarà tra i protagonisti della ventesima edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico che si svolgerà a Paestum dal 26 al 29 ottobre, tra gli affascinanti scenari offerti dal Parco Archeologico, il Museo e la Basilica. Si tratta di un evento unico per l’approfondimento e la divulgazione di temi dedicati al turismo e al patrimonio culturale, occasione d’incontro per gli addetti ai lavori, operatori turistici e culturali, viaggiatori.

borsa turismo archeologico

borsa turismo archeologico

All’interno della Borsa, la Regione sarà presente con un proprio stand che promuoverà, in particolar modo il Turismo Esperenziale dei Cammini e Vie dei Pellegrini che propone mete attorno alle quali ruotano “mondi” riconducibili non solo alla religione, ma anche all’arte, all’esperienza sostenibile e slow, alla tradizione, alla cultura dell’accoglienza e alle eccellenze del territorio.
Dalla Via Francigena (candidata a patrimonio Unesco) alla Via Romea Germanica, sono 14 gli antichi Cammini che attraversano l’Emilia Romagna per oltre 2000 km di percorsi che l’uniscono a Roma e ai più importanti luoghi di culto. Grazie alla creazione di uno speciale Circuito regionale, oggi questi percorsi sono valorizzati da decine di eventi e da pacchetti-vacanza personalizzabili che confermano l’unicità e l’originalità delle offerte regionali per il turista-viandante (http://www.emiliaromagnaturismo.it).

Tra le azioni promozionali dell’Emilia Romagna uno stand e un Convegno
Lo stand dell’Emilia Romagna è situato all’interno del Salone espositivo del Parco Archeologico e prevede un info point in cui sarà distribuito materiale promozionale sui Cammini, tra cui la la Cartoguida “Lungo le Antiche Vie dei Pellegrini in Emilia Romagna”, al cui interno sono indicati i percorsi, il loro livello di difficoltà, le tappe percorribili in un giorno di cammino, i luoghi dove ottenere le credenziali del pellegrino, la possibilità di accoglienza e altre informazioni utili. Saranno inoltre promossi i pacchetti-soggiorno inseriti sul sito che riguardano tutte le 14 Vie dei Pellegrini, proponendo escursioni giornaliere a piedi o in bici, soggiorni da 1 a 7 notti con o senza guida, tra natura incontaminata, luoghi di culto e borghi storici, antiche pievi, con possibilità di usufruire di momenti di relax, benessere termale e invitante soste enogastronomiche.
Alla Borsa l’Emilia Romagna proporrà anche il Convegno “Turismo Esperienziale in Emilia Romagna: cammini, percorsi, vie di pellegrinaggio” che si svolgerà sabato 28 ottobre dalle 16,30 alle 18 presso la sala Velia ArcheoIncontri del Museo Arcgeologico. Nell’ambito del convegno, che offrirà anche un momento di confronto oltre che di promozione, saranno presentate le iniziative e le proposte regionali di turismo esperenziale, slow e sostenibile. Saranno presenti rappresentanti della Via Matildica del Volto

apertura borsa turismo archeologico

apertura borsa turismo archeologico

Santo e della Via dei Linari, oltre a dirigenti del Settore Turismo di Comacchio che si trova sul percorso della Via Romea Germanica, e che a Paestum sarà presente con uno stand che promuoverà anche il Museo del Delta del Po.
Gli operatori regionali presenti, inoltre, parteciperanno al workshop organizzato dalla Borsa (dalle 10 alle 14 e dalle 15 alle 18) presso il Museo. Sarà un momento di scambio e di conoscenza, oltre che di business, tra le più interessanti realtà internazionali di turismo esperenziale. Tutte le iniziative regionali rientrano nell’ambito dei Fondi europei 2014-2020 della Regione Emilia-Romagna – Por Fesr.

Ma quali sono questi 14 Cammini dei pellegrini che hanno dato all’Emilia Romagna il primato nazionale? Prima di tutto va ricordato che tre di questi storici tracciati sono europei e antichissimi: la Via Francigena (Via che nel medioevo univa Canterbury a Roma e ai porti della Puglia), la Romea Germanica (che collegava Stade, nella Bassa Sassonia, a Roma) e la Via Romea Strata (dal nord e dall’est Europa a Roma). Oltre alla capitale, i cammini che attraversano la Regione e toccano un centinaio di comuni emiliano romagnoli collegano altri importanti luoghi di fede, da Padova ad Assisi, passando per l’Eremo di Camaldoli (Ar), La Verna (Ar) e Monte Paolo (Fc).

On line le Vie che attraversano l’Emilia Romagna
Le Vie che attraversano l’Emilia Romagna da ovest a est e segnalate sul sito http://www.emiliaromagnaturismo.it, sono: la Via degli Abati (129 km in regione), la Via Francigena (143 km), Via Matildica del Volto Santo (140,8 km), la Via Romea Nonantolana (208 km), la Via Romea Strata-tratto Romea Longobarda (200 km), la Via degli Dei (66,5 km), il Cammino di Sant’Antonio (258 km), il Cammino di Assisi (72 km), la Via Romea Germanica (260 km), il Cammino di San Vicinio (320 km) e, di recente inserimento, la Piccola Cassia che attraversa l’Appennino tra Bologna e Modena, il Cammino di Dante che collega Ravenna a Firenze, la Via dei Linari che attraversa l’Appennino parmense e la Via di San Francesco da Rimini a Ravenna.

Related News

Comments are closed