Start-up innovative, Milano prima in Italia, bene Bologna e Rimini

(Sesto Potere) – Milano – 4 luglio 2018 – Milano   da sola incide per il 15% sulle start up a più alto livello di innovazione nate in Italia negli ultimi anni.  Milano:  prima in Italia non solo per numero complessivo di start-up innovative ma anche per presenza di start-up innovative femminili (168 su circa 1.200, il 14,1% nazionale).

milano

In questa classifica seguono: Roma (10,6%) e Napoli (3,5%) oltre che per concentrazione di start up innovative giovanili (282 su 1.711, il 16,5% italiano) seguita da Roma (9,1%) e Torino (4,9%) e straniere (66 su 277, il 23,8% nazionale) seguita da Roma (8,7%) e Bologna (3,2%).I settori di attività delle start-up innovative. Quasi tre imprese su quattro sono attive nel settore dei
servizi, oltre una su dieci nell’industria ed una su venti nel commercio. E ci sono poi 18 start-up innovative che in Lombardia operano nel settore del turismo su circa 100 in Italia, di cui 14 a Milano che è seconda in Italia con il 14,6% del settore, dopo Roma (15,6%) e prima di Rimini (7,3%). 

bologna

Il primato della Lombardia. Sono oltre 2 mila le start up innovative in Lombardia su 9.300 in Italia, il 24% . Oltre 1.500 sono nel territorio milanese (70% regionale, 17% nazionale) e, di queste, 1.400 hanno sede nella città di Milano. Le start-up innovative lombarde. Dopo Milano, si distingue Bergamo che con 160 imprese è undicesima a livello nazionale per numero complessivo di start-up e nona per presenza di giovani (30 start-up innovative). Vengono poi Brescia, al diciassettesimo posto in Italia con 135 start-up innovative, e Monza Brianza con 71, Varese con 67 e Pavia con 59. Fa bene anche Como con 52 start-up. Lodi ne ha circa 30.

Info. Questi i  dati della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi su fonte registro imprese a giugno 2018.

 

 

Related News

Comments are closed