Solo il 2% delle imprese utilizza i Centri per l’impiego per trovare personale

(Sesto Potere) – Roma, 10 agosto 2018  – Quasi 2 imprese su 3 ricercano il personale con canali “informali”, mentre solo il 2% utilizza i Centri per l’impiego.  Anche sul versante privato solo il 5% delle imprese fanno ricorso alle agenzie del lavoro, associazioni imprenditoriali e società di somministrazione.

centro per l’impiego

E’ quanto fa rilevare l’Unioncamere, intervenuta in audizione presso la Commissione Lavoro del Senato nell’ambito dell’indagine conoscitiva sul funzionamento dei servizi pubblici per l’impiego.

Eppure, allo stesso tempo le imprese segnalano difficoltà a reperire professionalità: nel 2017 più di 1 assunzione programmata su 5 rientrava tra quelle con difficoltà di reperimento.

E’ proprio il disallineamento fra la domanda e l’offerta di lavoro, aggiunge Unioncamere, una delle sfide principali che il nostro Paese deve affrontare. La domanda di lavoro è infatti  rapidamente cambiata e a questo non ha corrisposto un analogo cambiamento dell’offerta.

Il sistema delle Camere di commercio, ha detto il vice Presidente vicario di Unioncamere, Andrea Prete, nel corso dell’audizione, “è da lungo tempo attivo sui temi relativi al mercato del lavoro con un impegno che si è ulteriormente sviluppato negli ultimi anni sui temi dell’orientamento, dell’alternanza scuola-lavoro e dell’incontro domanda-offerta di formazione e lavoro”.

Fra le proposte dell’Unioncamere, infine, di particolare importanza quella sul monitoraggio permanente del sistema

centro impiego

imprenditoriale e l’analisi dei fabbisogni professionali e formativi.

Grazie alla tenuta dell’Anagrafe delle imprese e alla realizzazione del Sistema Informativo Excelsior in collaborazione con l’Anpal, infatti, le Camere possono offrire ai singoli Centri per l’impiego oltre che a tutti i soggetti attivi sul mercato del lavoro, informazioni puntuali sulle opportunità di lavoro dei rispettivi territori.

Unioncamere propone anche la costruzione di network locali di fiducia intorno alle Camere di commercio, azioni e iniziative per orientare le scelte formative e professionali dei giovani, la valorizzazione delle politiche e dei servizi di sostegno all’auto-impiego, una via italiana alla certificazione delle competenze a due livelli (centrale/territoriale).

Related News

Comments are closed