Sicurezza, controllo di vicinato e vigilanza privata a Sassuolo, Formigine e Maranello

(Sesto Potere) – Modena – 17 novembre 2017 – Sicurezza partecipata. È la prospettiva che la prefettura di Modena sta portando avanti con i comuni della provincia nell’ambito delll’attività del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.

prefettura modena firma patto

prefettura modena firma patto

In questa dimensione si muovono le intese siglate nella giornata di ieri nell’ufficio territoriale del governo dai comuni di Sassuolo, Formigine e Maranello, che si sono così aperti a forme di controllo del territorio fondate sul coinvolgimento dei cittadini e degli istituti di vigilanza privata.

Sotto il primo aspetto, i sindaci dei 3 comuni, il prefetto Maria Patrizia Paba, il questore, e i comandanti provinciali di Carabinieri e Guardia di Finanza hanno firmato un protocollo per il “controllo del vicinato” (vedi foto).

L’intesa mette a sistema modalità di attuazione già sperimentate, con l’obiettivo di valorizzare la sensibilità sviluppata dal cittadino grazie al suo rapporto con il territorio nel segnalare fatti anomali che siano rilevanti sul piano della sicurezza.

prefettura modena

prefettura modena

Per quanto riguarda la collaborazione con gli istituti di vigilanza privata, i 3 comuni hanno aderito al protocollo “Mille occhi sulla città” siglato a maggio 2017 da prefettura, comune di Modena, questura, Carabinieri, Guardia di Finanza e istituti, che nella loro funzione di “sicurezza complementare” riferiscono a Forze di Polizia e Polizie locali anche elementi utili per l’attività di prevenzione/repressione.

I prossimi a firmare intese analoghe, informa la prefettura, saranno i comuni di Fiorano Modenese, Carpi, Campogalliano, Novi di Modena, Soliera, e i comuni dell’Unione terre d’Argine.

Related News

Comments are closed