Sicurezza a Colli Aniene (Roma) domani flash Mob contro escalation di furti

(Sesto Potere) – Roma – 14 giugno 2018 – I cittadini di  Colli Aniene,  la popolosa area urbana  del IV Municipio di Roma Capitale  compresa fra via Tiburtina e il tratto urbano dell’autostrada A24, scendono in piazza per gridare a voce alta: “Basta furti, basta delinquenza. Stop alla microcriminalità  che colpisce  ogni giorno cittadini ed imprese. Fermiamo i malviventi di ogni risma che sono arrivati anche a prendere dall’assalto le scuole del quartiere ed a strappare dalle mani a un minore  il cellulare dietro inqualificabili minacce”.

Monaco_di_giovine

Domani il Flash Mob , dalle ore  18, in viale Sacco e Vanzetti 217. Una manifestazione pacifica che coinvolgerà un cartello di associazioni del territorio che hanno a cuore la sicurezza dei cittadini e la tutela dei beni e dell’ambiente di un quartiere che conta  più di 23mila abitanti.

Le richieste , ancora una volta – dopo tante sortite pubbliche, comunicati e petizioni – sono un presidio fisso delle forze dell’ordine nel quartiere, una maggiore e regolare presenza di carabinieri e polizia nel quartiere, l’utilizzo di telecamere per controllare il territorio e soprattutto l’attivazione di un sistema di controllo di vicinato, ovvero la segnalazione alle forze dell’ordine territoriali quando i cittadini vedono qualcosa di sospetto.

“Purtroppo Colli Aniene risente di una carenza cronica in termini di sicurezza e vigilanza ed è per questo, che ormai stanchi dei continui e ripetuti furti verificatisi in questi ultimi tempi, abbiamo deciso di manifestare il nostro dissenso con un’iniziativa, condivisa con il Care-Coordinamento Associazioni Roma Est di cui facciamo parte insieme a Paolo Di Giovine, finalizzata a sensibilizzare le istituzioni e gli organismi preposti affinché cessino definitivamente i roghi tossici e venga posizionato all’interno del nostro quartiere un presidio fisso delle forze dell’ordine a tutela della salute e la sicurezza dei residenti ed infine vengano attuate azioni di contrasto al proliferare degli insediamenti abusivi nell’area di via salviati e via del flauto oramai trasformate in discariche”: commenta  Stefano Monaco, presidente dell’associazione  Roma Civitas Opus.

“Non possiamo non essere d’accordo con questa iniziativa di protesta organizzata dagli amici di Colli Aniene, visto

Incendio_Colli_Aniene

l’aumento di episodi delinquenziali nel nostro territorio, ragion per cui anche noi domani parteciperemo al flash mob”: aggiunge  Paolo Di Giovine, presidente dell’associazione IV Municipio Case Rosse.

Le  associazioni del territorio dopo gli ultimi fatti criminosi che hanno visto l’assalto di quasi tutte le scuole del territorio (violate e vandalizzate dai soliti ignoti) e tanti altri episodi di microcriminalità ai danni di appartamenti, box, automobili e persone fisiche chiedono più sicurezza per tutti ma soprattutto per i ragazzi che devono essere liberi di girare per il quartiere senza essere molestati o derubati. Soprattutto di  notte , quando l’abitato di Colli Aniene diventa “terra di nessuno”.

Si chiede a viva voce – innanzitutto alla Presidente del IV Municipio,  al Questore ed al prefetto di Roma – un presidio fisso nel quartiere da parte delle forze dell’ordine per porre un freno a:  scippi,  aggressioni fisiche , furti in  appartamenti ,  rapine in appartamento e spaccio di droga. All’attenzione delle autorità anche nuovi insediamenti abusivi – che si affiancano a quelli già presenti e conosciuti –  che aggravano  il triste  fenomeno dei roghi tossici (vedi foto dei vigili del fuoco) e della illegalità che spesso accompagna queste baraccopoli di nomadi di ogni etnia.

Related News

Comments are closed