Robotica, multiequipe a Baggiovara

(Sesto Potere) – Modena – 13 marzo 208 – Il polo ospedaliero universitario di Modena si conferma ancora una volta riferimento nazionale per la chirurgia robotica che grazie all’integrazione tra Policlinico e Baggiovara, è destinata a “crescere” per casistica e complessità di casi trattati, con particolare attenzione anche all’attività in multiequipe.

La Sala Operatoria Di Baggiovara

Alcuni giorni fa, ad esempio, l’equipe di Chirurgia Generale, d’Urgenza e Nuove Tecnologie – guidata da Micaela Piccoli – e quella chirurgica di Ginecologia – guidata da Carlo Alboni – hanno rimosso, durante lo stesso intervento, un tumore all’utero ed un tumore dello stomaco, su una paziente di 66 anni, che sta bene ed è in via di dimissione.

La settimana scorsa, è stata la volta di un’alleanza ancora tra Chirurghi generali e questa volta gli Urologi – guidati da Giampaolo Bianchi- per rimuovere un tumore maligno della prostata e correggere un’importante ernia jatale su un uomo di 68 anni che sta bene ed è stato dimesso . L’attività anestesiologica è stata assicurata dalla Struttura di Anestesia e Rianimazione del Civile diretta da Elisabetta Bertellini. Da non dimenticare il supporto del personale infermieristico del blocco operatorio.

I vantaggi offerti dal Robot “Da Vinci”, come la mininvasività, l’ingrandimento del campo operatorio e la precisione dei movimenti assicurano minori complicanze, ed un più favorevole e rapido decorso post-operatorio. Il robot si muove agevolmente attorno al paziente consentendo una chirurgia multi equipe che riesce ad affrontare, grazie anche alla notevole esperienza acquisita da tutto il personale infermieristico, tutti e quattro i quadranti dell’addome.

ospedale_baggiovara

“Nel caso del tumore dello stomaco – ha aggiunto Micaela Piccoli– la chirurgia robotica ci ha permesso di eseguire un intervento di gastrectomia subtotale, per via mini-invasiva, con grandi benefici nel postoperatorio per la paziente, soprattutto in termini di più rapida ripresa dell’alimentazione e ritorno alla sua normale vita relazionale. Si tratta non solo di un intervento demolitivo, ma anche ricostruttivo, in genere eseguito, nella maggior parte dei Centri chirurgici italiani, solo per via aperta. La robotica facilita l’approccio mini-invasivo, superando molte delle difficoltà tecniche legate ad un’ampia linfadenectomia e alle suture anastomotiche. L’intervento associato ad un’altra procedura complessa ginecologica ha evitato due interventi successivi che sarebbero stati necessariamente ravvicinati”.

“La paziente con il tumore dell’endometrio, cioè del corpo dell’utero – spiega Carlo Alboni – aveva un quadro complesso di gestione di altre co-patologie fra le quali l’aumentato peso corporeo che in alcuni casi controindica la tecnica mini-invasiva per le difficoltà di gestione della respirazione controllata dalle macchine durante la laparoscopia classica. Il robot da Vinci ci ha permesso di eseguire l’intervento senza taglio sull’addome e questo ha ridotto notevolmente i tempi chirurgici, il rischio di infezione e la perdita ematica producendo sin dalla sala operatoria un enorme vantaggio clinico per la paziente”. La possibilità di trattamento multidisciplinare è stato determinato da un perfetto coordinamento nella fase

Ospedale Baggiovara

preparatoria dei percorsi diagnostici e di inquadramento clinico delle patologie gastrica ed uterina che ritengo abbia offerto davvero un risultato di reale approccio mini-invasivo alla patologia producendo un basso impatto psicofisico sulla integrità della paziente parallelamente ad un corretto trattamento chirurgico.

Altro esempio di multidisciplinarietà è stato il trattamento di una voluminosa ernia Jatale in un paziente di 68aa affetto da tumore maligno della prostata. L’ernia jatale è una patologia piuttosto diffusa e consiste nello spostamento di parte dello stomaco nel torace attraverso un foro del diaframma (muscolo che nel corpo umano divide il torace dall’addome) che prende il nome di iato diaframmatico. L’operazione chirurgica riporta la parte di stomaco fuoriuscita nella sua sede originaria (addome), ricostruendo con dei punti lo iato diaframmatico. Un tempo la riparazione poteva essere eseguita solo in chirurgia aperta; oggi il gold standard è la chirurgia mini-invasiva: laparoscopica o robotica (quando presente), meno traumatiche, che permettono un veloce decorso post operatorio per il paziente, diminuiscono il rischio di infezioni e accelerano i tempi di guarigione.

Related News

Comments are closed