Ravenna, controlli con autovelox mobili in 48 punti della città

(Sesto Potere) – Ravenna – 7 dicembre 2017 – “Implementare i livelli di sicurezza su diverse strade urbane, inducendo gli utenti della strada al rispetto dei limiti di velocità, è l’obiettivo di un piano di controlli attraverso velox mobili in 48 punti dei centri abitati del territorio, al quale come amministrazione comunale stiamo lavorando con la Polizia Municipale e il servizio Mobilità e Viabilità.

polizia-municipale-notte

Si tratta di una delle misure concepite all’interno di una strategia complessiva il cui scopo è quello di aumentare il livello di sicurezza della circolazione stradale, a particolare tutela degli utenti deboli, quali pedoni e ciclisti, bambini e anziani, in particolare nelle località oggetto di traffico di attraversamento veloce”.

Lo dichiara il vicesindaco Eugenio Fusignani, con delega alla Sicurezza e alla Polizia Municipale, all’indomani dell’approvazione, da parte della giunta su sua proposta, di una delibera relativa all’individuazione di 15 localizzazioni per l’installazione di altrettanti box dissuasori – rallentatori di velocità, all’interno dei quali la Polizia Municipale collocherà alternativamente e in diversi momenti velox mobili per l’effettuazione di rilievi sul rispetto dei limiti di velocità, secondo un calendario dalla stessa predefinito.

“La presenza dei box – aggiunge Fusignani – costituirà comunque un deterrente rispetto alla violazione dei limiti lungo tutti i tratti di strada coperti e per tutte le 24 ore”.

polizia municipale agenti

La delibera approvata dal Comune di Ravenna riguarda le prime 15 collocazioni, alcune su strade provinciali, per le quali la Provincia ha concesso il necessario nulla osta; ne seguiranno altre, fino ad arrivare a un totale appunto di 48.

Le collocazioni sono state decise dopo sopralluoghi effettuati dall’Osservatorio provinciale per la sicurezza stradale, organo istituito con la partecipazione di tutte le forze di polizia e coordinato dalla Prefettura, sulla base della pericolosità, desunta dalla statistica degli incidenti, e della presenza di luoghi sensibili nelle vicinanze, come ad esempio le scuole.

Queste le prime 15 collocazioni deliberate dal Comune di ravenna: a Marina Romea/Porto Corsini in via Baiona all’altezza del civico 138; a Punta Marina in viale Colombo tra il bagno Quattro Venti e via delle Sirti; a Mandriole in via Mandriole al centro del paese vicino alla chiesa (civico 182); ad Ammonite in via Santerno Ammonite tra il civico 89 e il 91; a Ravenna in viale Mattei – carreggiata sud direzione est; a

autovelox

Ravenna in via Destra Canale Molinetto tra via Stradone e via Casadei; a Piangipane in via Piangipane fronte civico 101; a San Bartolo in via Cella all’altezza del civico 207; a San Pietro in Vincoli in viale Farini all’altezza dell’intersezione con via del Sale e Castello; a San Zaccaria in via Dismano all’altezza del civico 561; a Castiglione in via Ponte della Vecchia all’altezza del civico 65; a Madonna dell’Albero sulla strada provinciale 27 all’ingresso dall’Adriatica in direzione San Bartolo (civici 50/52); a Santo Stefano sulla strada provinciale 27 (via Cella dal civico 319 al civico 321 in direzione San Bartolo/Carraie); a Ragone sulla strada provinciale 5 (chilometro 5 direzione Russi – Ravenna); a Sant’Alberto in via Basilica in prossimità del civico 241.

L’obiettivo è quello di installare i primi 15 box entro la primavera.

Related News

Comments are closed