Presentata a Bologna la Settimana del Buon Vivere , grandi nomi dell’ arte, economia, politica, giornalismo e spettacolo

(Sesto Potere) – Bologna – 11 settembre 2018 –   Si terrà dal 21 al 30 settembre a Forlì e in Romagna la nona edizione della Settimana del Buon Vivere che quest’anno avrà come filo conduttore il tema :”Luoghi” presentata ufficialmente a Bologna.

presentazione settimana

Come ogni anno, agli eventi principali che si svolgono prevalentemente all’interno del Complesso dei Musei di San Domenico, il programma è arricchito da più di 100 eventi e attività proposti e gestiti da circa 250 realtà del territorio tra associazioni, imprese e cittadini, con l’auspicio di avvicinarsi all’affluenza record della scorsa edizione che si è attestata sulle 110.000 presenze, dati rilevati da Vodafone Analytics.

GLI OSPITI

Sono numerosi gli ospiti che si alterneranno sul palco dell’Auditorium della Chiesa di San Giacomo.
Il regista Pupi Avati avrà il compito di inaugurare ufficialmente domenica 23, dopo gli appuntamenti in anteprima dedicati alla grande mostra fotografica con Ferdinando  Scianna, uno tra i più grandi maestri della fotografia non solo italiana. Con circa 200 fotografie in bianco e nero stampate in diversi formati, la rassegna attraversa l’intera carriera del fotografo siciliano e si sviluppa lungo un articolato percorso narrativo, costruito su diversi capitoli e varie modalità di allestimento.

Il giorno seguente, lunedì 24, il pianista siriano Aeham Ahmad, il giornalista Gabriele Del Grande e l’attore e autore teatrale Davide Enia guideranno il pubblico su uno dei temi più sentiti di questo periodo, luoghi e confini. Ma non saranno gli unici protagonisti del lunedì, che vede la partecipazione di Patrizio Roversi e dell’attore comico  Leonardo Manera.

Il martedì sarà la giornata del’insolito incontro tra Ugo Nespolo (autore dell’immagine di quest’anno) e il regista Enrico Vanzina, ma anche con le sollecitazioni sulle città del futuro dell’architetto Italo Rota e le riflessioni sui luoghi nella letteratura del giornalista Piero Dorfles.

mostra di Ferdinando Scianna

Mercoledì 26 sarà il giorno delle riflessioni sugli scenari economici, con l’economista Lucrezia Reichlin  e lo storico Marc Lazar moderati da Claudio Cerasa e dell’attesissimo Pippo Baudo in una serata su “luoghi e costumi” con il maestro Peppe Vessicchio e le sollecitazioni di Ernesto Assante. Ci sarà spazio anche per un punto di vista inedito, quello dallo spazio, grazie alla partecipazione dell’ astronauta Maurizio Cheli. L’avvocatessa Lucia Annibali, la conduttrice radiofonica Rosaria Renna, la pallavolista paraolimpionica  Roberta Pedrelli e il giornalista Alessandro Milan saranno i protagonisti de “Il punto di vista della virgola” di giovedì 27 e, lo stesso giorno, il giornalista Massimo Bernardini dialogherà con Giorgio Vittadini sull’ importanza dell’educazione quale luogo per ricostruire la società a partire da sé stessi.

La programmazione di venerdì 28 vede protagonisti la scrittrice Michela Murgia, il giornalista Aldo Cazzullo, la formazione Wu Ming Contingent  e lo scienziato Vincenzo Balzani.

Sabato 29, chiusura della manifestazione con la partecipazione di Paola Minaccioni e Martina Colombari impegnate nel progetto “Every child is mychild” e grande festa presso la Cittadella del Buon Vivere con i sound designer di Radio Montecarlo che animeranno la seconda serata con BV Nights, un dj set con il quale ci si darà appuntamento alla decima edizione.

Nella mattinata, Luca Pagliari accompagnerà i ragazzi delle scuole alla scoperta di luoghi incredibili in un viaggio in motocicletta, il giornalista sportivo Alessandro Alciato  sarà impegnato nel racconto della potenza dello sport e Maria Amelia Monti racconterà il complesso mondo dell’adozione.

LA CITTADELLA DEL BUON VIVERE

Per il terzo anno, anche quest’anno, un inedito allestimento urbano darà vita a uno spazio per gli incontri, le proiezioni, i giochi e i laboratori: la Cittadella del Buon Vivere. Un luogo costruito sulla barcaccia del Complesso dei Musei di San Domenico grazie alla collaborazione di aziende e operatori del territorio che danno valore aggiunto al progetto mettendo a disposizione parte di quanto necessario per realizzare lo scenario delle molteplici iniziative organizzate dalle associazioni del territorio.

LE MOSTRE

È ormai tradizione consolidata la Settimana del Buon Vivere sia accompagnata dall’inaugurazione di una mostra fotografica di un grande artista di fama mondiale.

settimana del buon vivere

Il 2015 è stato l’anno di Mc Curry, il 2016 di Salgado e il 2017 di Erwitt. Il 2018 sarà l’anno della grande mostra di Ferdinando Scianna “Viaggio racconto memoria” che inaugurerà sabato 22 settembre e sarà visitabile fino al 6 gennaio. L’autore sarà ospite di un incontro aperto al pubblico venerdì 21 alle 21.00 alla Chiesa di San Giacomo.

La fotografia non sarà l’unico linguaggio presente tra le mostre: dal 21 al 29 alla Chiesa di San Giacomo saràallestita “Le città invisibili”, 12 artisti contemporanei impegnati in una guida-mappa delle città invisibili di Calvino. La mostra “I’m dreamer”, invece, già dal 15 settembre esporrà progetti di manufatti realizzati con i materiali di rifilatura delle lavorazioni dell’azienda  Dorelan dai ragazzi dell’Istituto Tecnico Saffi-Alberti.

PROGETTI SPECIALI

La Notte Verde e dell’Innovazione Responsabile  cambia struttura e diventa il trait-d’union di tutti gli appuntamenti dedicati a temi green. Gli eventi in calendario si interrogheranno sul futuro del nostro pianeta, sull’impatto che le nostre azioni quotidiane hanno sull’ambiente, sull’ economia circolare e su possibili soluzioni per uno sviluppo sostenibile.

Fra i momenti più importanti, la presenza dell’Associazione dei Borghi Autentici d’Italia, che porteranno in barcaccia gli stand di degustazione di 8 regioni d’Italia dalle ore 12 di sabato 22 settembre.

Anche quest’anno, la Cittadella del Buon Vivere sarà la cornice di alcuni degli eventi organizzati dal polo universitario cittadino nell’ambito della Notte Europea dei Ricercatori, iniziativa promossa dalla Commissione Europea già dal 2005 e che quest’anno si terrà venerdì 28 settembre.

Il Pranzo Solidale, quest’anno intitolato “Un luogo chiamato solidarietà”, è il tradizionale pranzo aperto a tutti coloro che, facendo una buona azione, intendono anche godere della compagnia dei propri concittadini. Quest’anno per la prima volta in Piazza Garibaldi a Forlimpopoli, l’intero ricavato è devoluto all’Emporio della Solidarietà della Caritas e del Comitato contro la fame del mondo.

Donare è Buon Vivere è un nuovo progetto nato dalla collaborazione fra Settimana del Buon Vivere e Aido Forlì-Cesena per richiamare l’attenzione sull’importanza del dono. Ogni giorno gli spettatori potranno trovare materiali informativi e potranno aderire all’associazionegrazie ai volontari dedicati alla divulgazione su un tema così importante.

Altra novità di questa edizione è la partnership con il Festival dell’Incontro, che sabato 22 settembre animerà con laboratori, conferenze, mostre, spettacoli, concerti e allestimenti tutto Corso della Repubblica. Gran finale con il concerto di Simone Cristicchi presso la Chiesa di San Giacomo alle ore 21.

RADIO MONTE CARLO

Si amplia e si approfondisce la collaborazione tra Settimana del Buon Vivere e Radio Monte Carlo: quest’anno di fronte alla Chiesa di San Giacomo sarà presente una speciale postazione mobile della radio che ospiterà e trasmetterà interviste, incontri e interviste agli ospiti.

chiesa san giacomo

LE DICHIARAZIONI

Monica Fantini – ideatrice della Settimana del Buon Vivere – ha dichiarato: “questa non edizione è dedicata al tema dei luoghi, perché dai luoghi intesi come comunità aperte all’incontro con l’altro ha preso il via tutta l’esperienza della Settimana. Un’esperienza che non nasce “dal basso” ma “dal centro”, cioè dal cuore, come racconta anche il logo creato appositamente da Nespolo, uno dei tanti artisti e studiosi di livello internazionale che ogni anno si aggiungono alla nostra città ideale del Buon Vivere”.

Lubiano Montaguti – vicesindaco di Forlì – ha commentato: “per il comune questa manifestazione è principalmente il luogo della formazione e della crescita per i più giovani. Da qui l’impegno comune sull’organizzazione della Notte Verde, dei bambini dedicata ai temi della sostenibilità ambientale, e il progetto speciale di quest’anno sulle nuove intestazioni di tutti i circoli didattici. Una novità importante è rappresentata poi dall’inserimento in programma – in linea con il tema “luoghi” – di una due giorni dedicata ai borghi autentici, ovvero alle eccellenze dei comuni del comprensorio ed alle loro reti turistico culturali nazionali”.

Andrea Corsini – assessore al turismo della regione Emilia-Romagna: “la Settimana del Buon Vivere è una realtà che è cresciuta molto negli ultimi anni venendo a porsi – per la qualità dei contenuti – come l’evento di apertura del cartellone autunnale degli eventi di tutta la Romagna. Il prossimo anno poi, per la decima edizione, sono certo che si realizzeranno le condizioni per un’ulteriore salto di qualità anche in termini di attrattività turistica sul piano nazionale cui non mancheremo di dare il nostro contributo come regione”.

Boris Mantova – vicedirettore Radio Monte Carlo News – “abbiamo mantenuto la promessa fatta lo scorso anno: 3 ore di diretta tutti i giorni da Forlì, dalle 10 alle 13, con una delle voci più amate della nostra emittente, Rosaria Renna. E poi l’impegno ad offrire ai nostri ascoltatori – insieme alla buona musica – anche le tante “buone notizie”  che ruotano attorno alla Settimana del Buon Vivere”.

La settimana del Buon Vivere è sostenuta è sostenuta da Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, Comune di Forlì e Cooperhub nell’ambito del progetto Terra del Buon Vivere.

 

Related News

Comments are closed