Mafie, 119 beni confiscati in Emilia-Romagna

(Sesto Potere) – Bologna – 11 maggio 2018 –  A oggi risultano 119 i beni immobili confiscati in Emilia-Romagna: di questi 77 sono ancora in gestione dall’Agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati alle criminalità organizzata, 22 sono già destinati e 15 sono quelli in effettivo riutilizzo. Dal 2011 a oggi sono stati sottoscritti dalla Regione Emilia-Romagna 16 Accordi di programma su 12 beni immobili sequestrati, cofinanziati con un contributo regionale di oltre 1,2 milione di euro.

Gli ultimi progetti volti al recupero di beni immobili confiscati per finalità sociali riguardano oltre Calendasco i Comuni di Forlì, Comacchio (Fe) e Berceto (Pr).

Con l’Università di Bologna viene garantito l’aggiornamento della mappatura georeferenziata dei beni immobili confiscati in Emilia-Romagna (unico caso in Italia) e predisposto, in collaborazione con l’osservatorio regionale, un manuale formativo per gli operatori degli Enti Locali che a vario titolo si occupano di beni confiscati all’indirizzo www.mappalaconfisca.com.

L’Agenzia nazionale per i beni confiscati nel dicembre scorso ha consegnato 13 nuovi beni immobili presenti sui territori di 11 comuni emiliano-romagnoli: Alseno (Pc), Bologna, Borgo Tossignano (Bo), Cervia (Ra), Formigine (Mo), Medesano (Pr), Nonantola (Mo), Parma, Piacenza, Ravenna e Varano de’ Melegari (Pr), per un valore stimato di 6 milioni di euro, su cui la Regione Emilia-Romagna verrà chiamata a intervenire con idee progettuali e risorse per loro riutilizzo per finalità sociali.

Inoltre, lo scorso settembre 2017 un Protocollo d’Intesa sulla gestione dei beni sequestrati e confiscati, proposto dal Tribunale di Bologna ai diversi attori sociali ed istituzionali del territorio, con l’intento di consentire una rapida, seppur temporanea, assegnazione dei beni immobili e, sul versante aziendalistico, realizzare progetti industriali in grado di assicurare la continuità dell’attività delle imprese e la tutela dei livelli occupazionali.

Related News

Comments are closed