Inaugurato a Ferrara nuovo centro residenziale per disabili gravi

(Sesto Potere) – Ferrara – 16 aprile 2018 – Si chiama “Il Calicanto” ed è stato inaugurato sabato, 14 aprile,  a Ferrara. E’ il nuovo Centro socio riabilitativo residenziale che sorge in via dei Tigli 3 e prende il posto della vecchia “Casa XX Settembre”, non più in grado di soddisfare le esigenze del territorio.

centro disabili ferrara

 

A tagliare il nastro sono stati  il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, il sindaco di Ferrara, Tiziano Tagliani, il direttore generale dell’Ausl di Ferrara, Claudio Vagnini, e Daniele Bertarelli, presidente della Cooperativa Cidas.

Offrire a disabili gravi uno spazio protetto e gestito da personale qualificato, per garantire un’assistenza continua e attività educative e riabilitative adeguate è l’obiettivo del nuovo Centro, realizzato dalla Cooperativa inserimento disabili, assistenza, solidarietà con un investimento di circa 2,5 milioni.

“Il Calicanto” si trova nel complesso immobiliare “Residence Service” e potrà ospitare fino a 20 disabili adulti, di entrambi i sessi, che per la loro gravità non possono essere assistiti a casa.

L’impegno della Regione per disabili e anziani

Sono  88, in Emilia-Romagna, le strutture di assistenza a tempo pieno per persone con disabilità gravi affette da deficit motori, psicomotori, cognitivi e relazionali, che fanno parte della Rete dei servizi per disabili adulti.

Una Rete finanziata dalla Regione, attraverso il Fondo regionale per la non autosufficienza, con un investimento di 50 milioni di euro.

centro disabili ferrara

Sul piano dell’assistenza a disabili e anziani, l’Emilia-Romagna è la Regione con il Fondo regionale per la non autosufficienza – istituito nel 2004 – più alto in Italia: nel solo 2017 sono stati investiti oltre 478 milioni di euro, in aumento rispetto al 2016 (466 milioni), per lo sviluppo della rete dei servizi socio-sanitari, residenziali e semiresidenziali e la realizzazione di interventi di natura assistenziale ed economica.
Ogni anno, un terzo delle risorse del Fondo, più di 160 milioni, viene destinato a finanziare i servizi socio-sanitari per persone con disabilità grave e gravissima.

L’Emilia-Romagna, inoltre, è stata la prima in Italia ad avere adottato una legge specifica (n.2/2014) per i caregiver, coloro che assistono familiari o amici disabili e non autosufficienti, offrendone un riconoscimento giuridico sull’esempio di altri Paesi europei.

Per il triennio 2016-2018, all’Emilia-Romagna sono stati assegnati dallo Stato 13 milioni di euro; di questi, oltre 9 sono già stati destinati dalla Regione ai Comuni per l’acquisto o la ristrutturazione di appartamenti per disabili soli, oppure per l’avvio di nuove forme di coabitazione come case per piccoli gruppi (massimo 5 persone) o soluzioni di co-housing (un modo di abitare in comunità, che coniuga gli spazi privati con aree e servizi a uso comune).

Related News

Comments are closed