Contrasto alla contraffazione dei prodotti alimentari, operazione dei Nas di Parma e Bologna

(Sesto Potere) – Bologna – 2 marzo 2018 – I Carabinieri del NAS di Bologna, nell’ambito di indagini riguardanti l’illecita commercializzazione di comuni tuberi di origine extra comunitaria (Cina e Africa settentrionale) spacciati per tartufi pregiati, hanno eseguito un’ispezione igienico-sanitario presso un’azienda di lavorazione di tartufi della provincia di Pesaro.

nas-carabinieri

Nel corso del controllo i militari hanno verificato la mancata applicazione presso la stabilimento produttivo delle codificate procedure di autocontrollo basate sui principi del sistema H.A.C.C.P. nonchè il mancato aggiornamento della notifica all’Autorità Sanitaria di un deposito alimentare.

I Carabinieri hanno, inoltre sottoposto a sequestro cautelativo-sanitario oltre 800 kg di tartufi congelati e più di 500 confezioni di prodotti alimentari vari a base di tartufo, per un valore complessivo di 220 mila euro, in quanto presentavano il termine minimo di conservazione superato, in alcuni casi anche da più di cinque anni, ed erano sprovvisti di documentazione atta a garantirne la tracciabilità.

Le carenze igienico-sanitarie riscontrate sono state prontamente segnalate all’Autorità Sanitaria Locale affinchè questa impartisca all’azienda specifiche prescrizioni di adeguamento agli standard minimi di sicurezza igienico-sanitaria. Al termine degli accertamenti sono state contestate al titolare dello

carabinieri nas

stabilimento sanzioni amministrative per 3.000 euro.

Sempre nell’ ambito dei controlli finalizzati al contrasto del fenomeno della contraffazione dei prodotti alimentari, i Carabinieri del NAS di Parma hanno ispezionato una cantina vitivinicola della provincia di Piacenza, rinvenendo una vasca contenente quasi 30.000 litri di vino rosso, con cartello riportante la denominazione del vino bianco “Colli piacentini monterosso Val d’Arda” per un valore commerciale di circa 150 mila euro. Il titolare dell’azienda vitivinicola, inoltre, non è stato in grado di fornire indicazione riguardanti origine e provenienza del vino che, pertanto, è stato sottoposto a sequestro amministrativo.

 

Related News

Comments are closed