comitato confederale ugl

Comitato Confederale dell’Ugl, Capone lancia la “Rivoluzione del buon senso”

(Sesto Potere) – Roma – 7 ottobre 2017 – Si concludono oggi i lavori del comitato confederale dell’Ugl riunito a Foligno per confermare il percorso di rinnovamento avviato dall’insediamento. Ieri l’apertura dell’importante assise sindacale con la relazione del segretario generale Francesco Paolo Capone all’insegna del: “Creare welfare delle opportunità. Ugl verso la Rivoluzione del buon senso”. E’ stato presentato anche il nuovo Codice Etico dell’Ugl.

comitato confederale ugl

comitato confederale ugl

Dalle colonne de Il Tempo, il segretario generale dell’Ugl, Francesco Paolo Capone, lancia il monito: “Non ci sarà mai crescita in Italia se prima non si affronta il problema del lavoro. Serve una scossa che riposizioni le priorità nel giusto ordine, partendo da quei 6 milioni tra disoccupati, neet e persone che sono in serie difficoltà economiche. Non è con la svalutazione del lavoro che si crea occupazione ma attraverso una politica dei redditi che possa sostenere la ripresa dei consumi nel mercato interno. Tutto questo, insieme ad un programma di politiche industriali può favorire lo sviluppo delle imprese, protagoniste nella creazione di lavoro e produzione di beni e servizi. In questi ultimi anni abbiamo assistito ad una vera e propria mattanza del sistema lavoro per cui, ad oggi, l’occupazione rischia di essere in via di estensione”.

E il leader sindacale rilancia le proposte del glorioso sindacato della Cisnal, che proprio all’Ugl ha dato i natali, Capone ricorda come sia necessario – oggi più che mai – promuovere: “nuove forme di democrazia e partecipazione dei lavoratori nella governance delle imprese. Un primo passo verso il progresso economico dell’Italia, così come avviene nel sistema tedesco”.

Per questo l’Ugl si rivolge alle anime del centro destra (Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega Nord, Energie per l’Italia e Direzione Italia), con l’obiettivo di contribuire alla stesura di un programma concreto che

Paolo-Capone-

Paolo-Capone-

sia in grado di inquadrare le problematiche del Paese, partendo dai territori.

“Vogliamo dare un segno tangibile a tutte le forze politiche con le quali condividiamo l’analisi dei problemi e una visione comune di ripresa del Paese”: spiega il segretario generale Ugl, Francesco Paolo Capone che rilancia con fermezza il processo di unione del centro-destra italiano: “E’ arrivato il momento di mettere da parte le lotte al potere e di focalizzarsi su quello di cui l’Italia ha davvero bisogno, una classe politica unita e che abbia una visione comune: la rinascita economica del Paese”.

E – prima ancora dell’appuntamento elettorale della primavera prossima – Capone muove al governo l’invito a promuovere: “un modello di welfare sostanziale e comunitario ben lontano dalle degenerazioni assistenzialiste cui abbiamo assistito negli ultimi decenni. Siamo davanti a una straordinaria fase storica. La nostra visione è quella di una società fondata su un welfare di comunità, che rende effettivo ed esigibile il primo articolo della Carta Costituzionale: una Repubblica democratica fondata sul lavoro. Questa è la nostra rivoluzione del buonsenso”: conclude il segretario generale  dell’Ugl.

Related News

Comments are closed