Cinema e audiovideo: 5 mln per il 2018

(Sesto Potere) – Bologna – 31 gennaio 2018 – Incremento del Fondo per l’audiovisivo, nuovi bandi dedicati alle produzioni emiliano-romagnole, italiane ed estere, maggiore attenzione ai progetti di sviluppo e alla promozione culturale cinematografica, consolidamento e valorizzazione del ruolo della Film Commission.

spettatori-al-cinema

L’Assemblea legislativa regionale, dopo un percorso partecipato con gli operatori del territorio, ha varato oggi il nuovo Piano triennale 2018-2020 per il cinema e l’audiovisivo, forte dei risultati ottenuti nei primi tre anni dall’approvazione della Legge regionale n.20.
I finanziamenti

La Regione Emilia-Romagna impegnerà per il cinema quasi 5 milioni di euro nel bilancio 2018, di cui la metà destinati alla produzione. Il Piano triennale si aprirà con l’uscita dei nuovi bandi regionali di sostegno alle produzioni, la cui pubblicazione è attesa per fine febbraio.
Quattro le chiamate previste per l’anno in corso, che non saranno più a sportello. Una è dedicata ai progetti nazionali e internazionali, ripartita in due finestre. Doppia finestra anche per le produzioni dell’Emilia-Romagna. Una terza è destinata allo sviluppo di opere cinematografiche e audiovisive. La quarta e ultima chiamata è dedicata, invece, alla realizzazione di festival e rassegne in ambito cinematografico. I testi e la documentazione saranno consultabili sul portale regionale cinema.emiliaromagnacreativa.it.

Il ruolo di Emilia-Romagna Film Commission

Il Piano triennale sottolinea il ruolo centrale della Regione nel coordinamento dei servizi offerti alle produzioni in tutto il territorio, puntando sul policentrismo che lo connota e valorizzando l’eccellenza dell’assistenza e dell’accoglienza da Piacenza a Rimini, grazie a maggiori risorse destinate al settore.

sito web cinema

L’ampliamento dei servizi e il consolidamento di una già ben avviata rete di relazioni saranno curati da Emilia-Romagna Film Commission che, dall’attuazione del Fondo, ha provveduto a promuovere servizi di differenziazione delle location e di assistenza alle produzioni interessate a girare in regione. Gli oltre 800 luoghi già censiti e la qualità dell’accoglienza hanno contribuito a rendere l’Emilia-Romagna una regione attrattiva per le produzioni, unitamente al suo essere sistema policentrico e diffuso, dove l’intero territorio è un potenziale set.

A tal proposito si sta rivelando interessante l’attività di supporto allo scouting, che recentemente ha guidato nel bolognese una casa di produzione romana per un progetto di lungometraggio incentrato sulle comunità sikh della bassa reggiana, mentre proprio in questi giorni un’impresa di produzione di Milano sta effettuando uno scouting tra Langhirano e Parma.
Nell’Anno europeo del patrimonio l’assessorato alla Cultura ha infine dato vita al progetto speciale Energie diffuse, che proporrà, durante tutto il 2018, eventi, incontri, momenti di dibattito, che coinvolgeranno attivamente anche il cinema e i suoi protagonisti.

Il programma è in fase di definizione. Info: Emilia-Romagna Film Commission [email protected]

Related News

Comments are closed