Calderara di Reno (Bo): cominciata la demolizione del Garibaldi 2

(Sesto Potere) – Calderara di Reno (Bo) – 15 aprile 2018 – Nella giornata di ieri sono entrate in azione le ruspe a Calderara di Reno (Bologna) per l’avvio della demolizione di tre blocchi del complesso “Garibaldi 2”. In programma anche  la demolizione dei Blocchi 4-5-6  del Garibaldi 2 nonché l’inizio della ristrutturazione del Blocco 3 lato strada ancora incompiuto che sarù  destinato a giovani coppie 

demolizione del Garibaldi 2

Presenti all’evento il governatore Stefano Bonaccini , la sindaca Irene Priolo ed il Prefetto di Bologna Matteo Piantedosi.

“Si completa un importantissimo progetto di rigenerazione e riqualificazione urbana: consumo di suolo zero, realizzazione di un parco pubblico, ristrutturazione parte edifici per realizzazione case per giovani coppie. Questa e’ la strada per un futuro sostenibile e la vivibilità delle nostre comunità”: commenta Bonaccini.

E la sindaca ha salutato questo  appuntamento importante per la cittadinanza come: “la parola fine a una situazione di degrado urbano e sociale che per troppo tempo ha coinvolto i calderaresi. L’avvio della demolizione dei Blocchi 4-5-6 (cioè quelli sul retro) del Garibaldi 2 nonché l’inizio della ristrutturazione del blocco lato strada ancora incompiuto (il Blocco 3) da destinare a giovani coppie è la conclusione di un lungo e difficile percorso. Questo immobile,

demolizione

incombente in tutto il suo grigiore, è sempre stato lì a ricordarci con le sue storie di criminalità prima e di degrado urbano dopo, che dietro alla disperazione di molti c’era anche la speranza di altri. Chi mi ha preceduto ha deciso di iniziare questo percorso, io ho deciso di finirlo e mi piacerebbe che rappresentasse la data di una nuova pagina di orgoglio”.

Irene Priolo  ha ringraziato la Regione Emilia-Romagna che ha sostenuto questo progetto pilota di riqualificazione urbana, la Questura e la Prefettura per il loro contributo, le giunte che si sono succedute, la Polizia Municipale, gli uffici e gli operatori comunali …. ed anche: “i cittadini di Calderara e tutte le persone che hanno contributo a farci superare i tanti momenti difficili”.

Related News

Comments are closed