Bologna, riaperto il Raccordo di Casalecchio, 5 mesi e 1 mln di euro per ricostruire l’opera

(Sesto Potere) – Bologna – 8 agosto 2018 – Il Raccordo di Casalecchio, è stato riaperto in entrambe le direzioni. A darne notizia questa mattina la società Autostrade per l’Italia. Il traffico in prossimità dell’incidente del 6 agosto – l’esplosione di una autocisterna da 25 metri cubi sull’autostrada A14, all’altezza di Borgo Panigale (Bologna), sul cavalcavia di via Marco Emilio Lepido – scorre attraverso uno scambio di carreggiata.

tangenziale bologna

Mentre rimane chiusa la Tangenziale di Bologna tra gli svincoli n 2 Borgo Panigale e 3 Ramo Verde in direzione della A14 Bologna-Taranto. La società Autostrade rassicura che non c’è  nessun disagio per chi da Milano è diretto in A14 Bologna-Taranto verso Rimini/Ancona e viceversaMartedì 7 agosto, in Aula di Palazzo Madama, il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, Danilo Toninelli, ha reso un’informativa sul tragico incidente di Bologna , spiegando che: “A seguito della forte esplosione, la corsia ha subito ingenti danni, con il crollo del cavalcavia. Nel corso della notte sono state effettuate, da parte della società Autostrade per l’Italia, tutte le verifiche tecniche, corredate di prove di carico delle infrastrutture adiacenti, che hanno dato esito favorevole e che non hanno evidenziato nessun tipo di problema sulle parti strutturali della

incidente casalecchio

medesima opera adiacente le parti crollate. Pertanto, nella notte è stato possibile ripristinare la pavimentazione danneggiata della carreggiata nord dell’autostrada adiacente a quella dell’incidente e predisporre la segnaletica e le delimitazioni di sicurezza per la riapertura dell’autostrada… In merito all’intervento di ricostruzione,

Autostrade per l’Italia sta verificando presso i principali produttori nazionali ed europei la disponibilità in pronta consegna di 12 travi con interasse appoggi di 24,65 metri e con altezza di 1,10 metri. Tale eventuale disponibilità consentirebbe di ridurre in modo significativo i tempi della ricostruzione, altrimenti stimabili in non meno di cinque mesi. Circa i costi di ripristino dell’esistente, la società Autostrade per l’Italia informa che, al momento, sono quantificabili in via di massima in un milione di euro, comprensivi degli interventi di demolizione e provvisionali. Le simulazioni sul traffico ci dicono che con l’attuale situazione non avremo disagi in autostrada fino a settembre…”.

“Intanto, ho già espresso la mia ferma volontà di agire su due fronti. Da una parte, vi è la necessità di alleggerire il traffico merci su gomma e, in aggiunta, la necessità di dotare i tir di tecnologie che riducano al minimo la possibilità di errore umano. Questo Ministero vuole quindi incentivare l’installazione sui mezzi che trasportano merci

incidente sul raccordo

pericolose – che superano le 35.000 unità, secondo i dati in nostro possesso – di presidi di guida assistita. Sto parlando di dispositivi anticollisione, frenata automatica, controllo predittivo della velocità, ritrovati ormai abbastanza comuni nelle nostre auto più nuove e che non possono non corredare questi mezzi pesanti, che rischiano ogni momento di trasformarsi in ordigni ambulanti. Al riguardo, il mio Ministero sta dando un forte input alla sperimentazione su strada delle soluzioni di smart road e di guida connessa ed automatica e sta introducendo, tra l’altro, sistemi di interazione tra veicoli e infrastrutture, capaci di veicolare informazioni e servizi di interesse per la sicurezza e l’efficienza della guida e del traffico, nonché sistemi per l’interazione e la collaborazione tra veicoli”:

ha detto il ministro  Toninelli.

Related News

Comments are closed