Autonomia dell’Emilia-Romagna, si attende il via libera dal Parlamento entro l’anno

(Sesto Potere) – Bologna – 31 agosto 2018 –  Prosegue a ritmi serrati il lavoro della Regione per ottenere maggiore autonomia per l’Emilia-Romagna, con l’obiettivo, confermato, di tagliare il traguardo entro l’anno con la legge approvata dal Parlamento.

Emma e Stefano Bruno Galli

Nella giornata di ieri  negli uffici regionali di viale Aldo Moro, a Bologna, l’assessore al Riordino istituzionale, Emma Petitti, ha incontrato l’assessore all’Autonomia e alla Cultura della Regione Lombardia, Stefano Bruno Galli (vedi foto a lato), riunione, sottolinea Petitti, “nella quale ci siamo trovati d’accordo sul percorso che stiamo facendo”.
Un’intesa fra le Regioni Emilia-Romagna e Lombardia che aveva preso avvio nel novembre scorso con il vertice tra  i presidenti Stefano Bonaccini e Roberto Maroni  (vedi foto in basso).

In particolare, la condivisione riguarda il metodo, che passa per l’intesa con il Governo sul progetto di autonomia che diventerà poi il progetto di legge che l’esecutivo presenterà alle Camere.

“Il merito, ovvero la scelta per entrambe le Regioni di singole competenze di cui si chiede la gestione diretta individuate nell’ambito di aree tematiche strategiche; e i tempi, sulla base delle indicazioni che ci sono state date sempre dal Governo”: aggiunge Petitti.

L’articolo 116 della Costituzione, al terzo comma prevede l’attribuzione alle Regioni a statuto ordinario di ulteriori “forme e condizioni particolari di autonomia” attraverso una legge dello Stato approvata a maggioranza assoluta, sulla base di un’intesa fra il Governo e la Regione interessata. Un regionalismo differenziato col quale la Regione

maroni-bonaccini

Emilia-Romagna punta ad avere la gestione diretta, e con risorse certe, di numerose competenze in aree strategiche come politiche per il lavoro, istruzione, sanità, tutela dell’ambiente e dell’ecosistema, relazioni internazionali e rapporti con la Ue e che ha visto lo scorso 28 febbraio il presidente Bonaccini firmare un Accordo preliminare con il Governo precedente insieme a Lombardia e Veneto.

E poco più di un mese fa, il 26 luglio, Bonaccini ha consegnato alla ministra Stefani il progetto di autonomia dell’Emilia-Romagna, condiviso con le parti sociali nell’ambito del Patto per il Lavoro, che prevede un aumento delle competenze richieste, aggiungendo alle 12 già definite la gestione diretta di altre tre: agricoltura, acquacoltura, protezione della fauna e attività venatoria; cultura e spettacolo e sport.

Dunque, in totale 15 competenze. Da martedì prossimo il progetto ampliato sarà portato al confronto con i Gruppi consiliari in Assemblea legislativa, con l’avvio dell’esame nelle Commissioni e l’approdo in Aula per il voto sul documento probabilmente il 18 settembre (sarà la Conferenza dei Capigruppo a decidere e ufficializzare la data). Fin da luglio, la Regione Emilia-Romagna aveva ribadito la propria disponibilità a riavviare da subito il confronto col Governo e attende la convocazione a Roma per dare attuazione al percorso concordato.

Related News

Comments are closed