Amazon, stop alle assunzioni, Ugl chiede lumi, interrogazione parlamentare di Foti (FdI)

(Sesto Potere) – Piacenza – 4 luglio 2018 – “A distanza di circa una mese dall’annuncio eclatante, ufficialmente riportato anche sul sito ufficiale dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, delle numerose (1300) assunzioni possibili presso lo stabilimento Amazon Italia di Castelsangiovanni (PC) non si registrano sviluppi e, cosa più grave, non è stata messa in atto alcuna forma di coinvolgimento delle parti sociali né è stata fornita alcuna informazione definita e definitiva, sebbene le richieste avanzate”:

amazon

a lanciare l’accusa è Pino De Rosa, segretario regionale Ugl Terziario Emilia-Romagna.

L’esponente sindacale comunica che al contempo non si è arrestato il flusso delle richieste d’informazione da parte dei lavoratori in somministrazione  e di tanti altri che progressivamente si sono attivati per sapere se potevano esercitare il diritto alla stabilizzazione del posto di lavoro presso Amazon Italia Logistica srl.

“Riteniamo quindi degna di nota e, ci auguriamo possa concorrere a sbloccare lo stallo attuale, l’iniziativa intrapresa dal deputato piacentino Tommaso Foti (FdI) che, da noi esortato, ha presentato la settimana scorsa un’interrogazione parlamentare al Ministro del Lavoro”:

aggiunge Pino De Rosa.

Nell’interrogazione parlamentare di Tommaso Foti si chiede se risultino disposte dal Ministero competente  verifiche presso gli altri siti del territorio nazionale in cui sono attivi centri di Amazon Italia Logistica srl – in particolare a Novara e Fara in Sabina (Rieti) – posto che anche negli stessi luoghi di lavoro della multinazionale di e-commerce si ipotizza un costante utilizzo dei lavoratori in somministrazione tramite  agenzie interinali.

 

 

 

 

 

IL SEGRETARIO REGIONALE

Pino De Rosa

Related News

Comments are closed